Via gli artisti dagli atelier della Willner Brauerei a Berlino

20 Lug

willner brauerei

Era un piccolo pezzo di anarchia in un quartiere ormai completamente conquistato dai “bobo”, dalla borghesia bohemien: una serie di atelier di artisti in un vecchio birrificio, la Willner Brauerei, appena un poco più a nord della zona più turistica di Prenzlauer Berg.

Ci sono stata pochi giorni fa, a trovare un’amica che crea gioielli e per vivere fa la guida in un museo. Si respirava un’aria (lo so, sono una nostalgica) come tanti anni fa: porte aperte, una collezione di bottiglie di birra vuote sulle scale, in cortile dei bambini a giocare e artisti griglianti. Ovviamente ogni idillio dura poco, soprattutto in una Berlino dove ormai gli immobili valgono oro: l’immobile è stato venduto e gli artisti dovranno lasciare il loro atelier. Per far posto a cosa?

I nuovi proprietari assicurano che l’area del vecchio birrificio rimarrà accessibile al pubblico, dopo i lavori. E che ci sarà un ristorante. Per ora restano la pizzeria e il biergarten, ma solo fino al 2018. Poi due anni di chiusura totale per lavori.

La Berlino che cambia in peggio: demolire un cinema indipendente per costruire appartamenti di lusso

14 Lug

yorck

La Berlino che cambia: in peggio. Chi vive qui apprezza da sempre la presenza di molti piccoli cinema indipendenti, dalle sedie scalcagnate, le poltroncine polverose, i programmi impossibili. Sale talvolta piccole come un salotto che offrono rifugio ai cinefili nelle lunghe sere invernali con film che non rientrano nei programmi dei multisala.

Un circuito indipendente particolarmente amato è sempre stato quello dei cinema del gruppo Yorck, la cui sala portabandiera si trova a Kreuzberg. Per ora: perché i piani del proprietario dell’edificio, secondo la moda gentrificatrice del momento, è quello di demolirlo per costruire, indovinate cosa? Esatto: un nuovo palazzo con appartamenti di lusso e un garage sotterraneo. Ma c’è un forse: il comune di Kreuzberg/Friedrichshain ha già dato un parere negativo al piano degli investitori. L’ultima parola ora tocca al Senato, che decidersi entro l’estate. Noi facciamo il tifo per il cinema.

[Nicoletta Grillo@berlinodavicino]

 

 

Fotografia a Berlino: il drammatico bianco e nero di Josef Koudelka da C/O

13 Lug

Ennesima estate di pioggia e freddo a Berlino. Ennesimi sguardi sconsolati. Che fare allora? Un buon modo – non tanto per rallegrarsi – ma quantomeno per fare una cosa interessante è andare a vedere la personale del fotografo Josef Koudelka da C/O Berlin. C/O vale un giro già di per sé – è negli edifici anni ’50 dell’Amerika Haus che vedete qui (foto da Wikipedia):

C-O_Berlin_im_Amerika_Haus-2577

Potete bere un caffé al bancone del bar guardando la gente che passa e sentendovi molto cool, e poi, o prima, guardare la retrospettiva di Josef Koudelka, fotografo ceco ormai quasi ottantenne e testimone di eventi storici come la primavera di Praga, la costruzione del muro tra Israele e striscia di Gaza ma soprattutto, come documentato nella mostra, osservatore di un quotidiano spesso drammatico nei paesi in cui è stato in esilio, dopo aver dovuto abbandonare la Cecoslovacchia. Il suo bianco e nero è senza sconti, assoluto: il profilo sperduto di una vecchia in Francia, un uomo immobile che fissa un piccione in Spagna, legni, visi, momenti in cui il fotografo coglie quella sensazione di “esilio”, emarginazione e distacco dal mondo che può cogliere ciascuno di noi. Bellissima; ma magari il caffé bevetevelo dopo, o sostituitelo con una birretta, guardando il cielo grigio di Berlino e ripensando alle fotografie

koudelka

http://www.co-berlin.org/en/josef-koudelka

[Nicoletta Grillo@berlinodavicino]

 

 

 

 

 

Swing a Berlino

9 Mag

Swing a Berlino? C’è solo l’imbarazzo della scelta. La capitale tedesca è particolarmente appassionata di questa forma di ballo scanzonata, allegra, dove sono possibili anche scambi di genere..(non è detto che il leader debba essere per forza un uomo, per esempio).

A parte i moltissimi corsi, ci sono lezioni „drop in“, ovvero lezioni che si possono prendere singolarmente, senza dover fare forzatamente tutto un corso. Ovviamente si impara meno, ma per avere un’idea di cosa si tratta sono l’ideale. E non è necessario nemmeno andare con un partner: a lezione di swing tutti ballano con tutti, a rotazione. E ci sono anche molte occasioni di „social dance“ più o meno gratuite. Tra le più belle, ora che inizia la bella stagione, quella lungo la Sprea, di fronte all’isola dei Musei, al parco Monbijou, il venerdì sera (dopo la lezione per principianti)

Ecco qui alcuni indirizzi utili:

per le lezioni „drop in“ una grande scelta lo offre il gruppo „Swing Patrol“, qui la loro pagina in inglese

http://swingpatrolberlinen.weebly.com/

Un calendario completo settimanale di tutte le manifestazioni, corsi ed eventi che riguardano lo swing lo trovate qui

http://www.swinginberlin.de/

E per chi ha voglia di danzare lungo la Sprea, allo Strandbar del parco Monbijou

http://www.monbijou-theater.de/strandbar-tanz.html

Finiamo con un video. Let’s dance!

Assistenza sanitaria a Berlino

25 Apr

Qualche consiglio pratico, visto che parlo fin troppo spesso di letteratura, cibo e altre amenità. Anzi, visto che sono pigra, i consigli, se siete a Berlino, ve li faccio dare dagli altri. Mercoledì 27 aprile si parlerà di un tema che sta molto a cuore (o sta molto sullo stomaco, a seconda) degli stranieri che si trasferiscono qui: l’assistenza sanitaria. Come funziona, come assicurarsi, casse malattia privata o pubblica, e quale? Argomenti che fanno venire il mal di testa a molti. Quindi, prima di farvi venire delle crisi di nervi che poi non sapreste come curare perché non avete assistenza sanitaria, o avete ancora la tessera italiana e non sapete se vi copre anche le crisi di nervi, vi consiglio vivamente di partecipare alla serata organizzata dal Comites Berlino in collaborazione con l’Ambasciata, l’AOK Nordost e l’associazione Salutare e.V.

21 Apr

L’illustrazione per ragazzi a Berlino.

Se vi piace l’illustrazione per ragazzi, che in  Italia gode di lunga e onorata tradizione,FB_IMG_1461228649651 non perdete la mostra organizzata dall’Istituto italiano di cultura di Berlino, con opere di autori del calibro di Lorenzo Mattotti e Roberto Innocenti, ma anche di “emergenti” come Mara Cerri, Olimpia Zagnoli e molti altri.

L’inaugurazione di “L’illustrazione per ragazzi: eccellenze italiane” è giovedì 21 aprile 2016, ore 19, presso l’IIC di Berlino, Hildebrandstrasse 2. Al vernissage partecipano anche Mara Cerri, la curatrice Anna Castagnoli e il giornalista del Sole 24 Ore Stefano Salis.

Come passare il pomeriggio lavorando in un caffé di Berlino.

25 Ago

A Berlino c’è un caffè che si chiama Oberholz dove la gente arriva, ordina un cappuccino o un caffè, attacca il proprio device (computer, tablet, cellulare) alla corrente e hop: ci passa ore e ore, come se fosse in un ufficio. Probabilmente ce ne sono molti, di posti così: io conosco questo perché esiste da tanto tempo e perché non è troppo lontano da casa, e io uso Berlino come una vera berlinese, ovvero esco molto malvolentieri dal mio quartiere, e solo quando sono costretta.

Detto questo, io ogni tanto vengo ci vengo a lavorare, non perché ci lavori particolarmente bene, ma, citando Moretti, per fare cose e vedere gente. Soprattutto per vedere gente, perché sembra un un po’ di stare in un telefilm americano. Se non facessero entrare anche me penserei che fanno dei test d’ingresso e chi non corrisponde ad un certo canone di altezza, forma fisica e bellezza viene respinto con gentile fermezza. Invece non è così. Siamo pochi, stoniamo, ma ci siamo. Forse ci fanno entrare random, noi che siamo decisamente al di sotto (della statura) e al di sopra (del peso)?

Ad ogni modo, oggi ho notato una cosa che mi ha spaventato molto. Il signore di fronte a me, che sembra il capitan Picard nei suoi giorni migliori, sta corrispondendo per video su skype con la figlia (o la fidanzata, non si sa mai). E qual è il punto? È bellissima anche la figlia (o la fidanzata). Lo stesso identico schema delle ragazze che mi circondano: capelli lunghi, riga in mezzo, ovale perfetto, occhioni, collo da cigno. Lo stesso schema dei telefilm americani. A questo punto mi sta venendo un dubbio: ma sono tutti veri? O sono finita in un truman show curato fino nei più minimi dettagli e queste sono tutte comparse? L’ipotesi non mi dispiacerebbe. Significherebbe che sono io quella normale, mica loro. Ma mi sa che non è così.

(P.S.: se corrispondete allo schema tipo e volete bervi un caffè da Oberholz, lo trovate a Rosenthaler Platz. Ma non vi fate troppe illusioni di cuccare/essere cuccati: qua la maggior parte della gente non stacca il viso dallo schermo. Al massimo qualche occhiata fuggitiva e non troppo ridente).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: