Biblioteche a Berlino e civiltà: il Grimm Zentrum

9 Mar

È stato amore a prima vista. Non solo per l’estetica; no, vista da fuori è un edificio, moderno, razionale, ma in fondo come tanti altri. Dentro peró. Sto parlando della nuova biblioteca della Humboldt Universität di Berlino, il Grimm-Zentrum dell’architetto Max Dudler.

Il bello qui è che sembra tutto fatto per semplificarti la vita: ci sono cestini a disposizione per trasportare libri e notebook (le borse vanno lasciate negli armadietti); i libri possono essere consultati in loco anche senza tessera (quella serve per prenderli in prestito); il prestito ve lo potete gestire da soli a senza fare code, come ad una cassa automatica; ci sono spazi prenotabili per il lavoro di gruppo e anche uno spazio attrezzato per i bambini, nel caso siate dotati di pargoli ma non di baby sitter e dobbiate lo stesso lavorare un po’ in biblioteca. La pianta quadrata dell’edificio rende facile orientarsi o cercare i libri anche alle persone dotate del senso d’orientamento di un organismo monocellulare, come me. E poi è bella, ammettiamolo: l’ambiente open space è funzionale, dominato da un legno caldo, luminoso, elegante. Siedo e vedo il cielo, vedo i libri, vedo altre persone concentrate come me sul loro lavoro.

Ma sapete qual è la cosa migliore? La sensazione di essere presi sul serio. La sensazione che qualcuno, in questa città, è disposto a investire soldi per creare un ambiente ideale per lo studio. Che chi frequenta l’Università, fa ricerca, o semplicemente vuole impiegare un po’ del suo tempo per cercare di formarsi delle idee leggendo non è l’ultimo idiota, da trattare a scarti e rimasugli, ma una persona che va sostenuta. Anche creandole un ambiente bello intorno. Sará pure un vizio, va bene, in mezzo alle mille necessità di una città, ma io lo ritengo essenziale. E civile. (nig)

L'ingresso del Grimm Zentrum

4 Risposte a “Biblioteche a Berlino e civiltà: il Grimm Zentrum”

  1. Maurizio Gatto marzo 9, 2010 a 5:30 PM #

    Sì, vero, è bellissima! E poi, guarda gli orari: Montag – Freitag 08:00 – 24:00 Uhr, Samstag, Sonntag 10:00 – 18:00 Uhr. Un sogno che diventa realtà!

  2. Lucia Iacomella marzo 9, 2010 a 11:48 PM #

    Anche a me piace molto dal punto di vista architettonico. E poi vogliamo parlare dell’aria fresca, pulita che si respira. Altro che quell’odoraccio di vecchio che ammorba la Stabi Ost, o l’amianto che svolazza sottile e fatale alla Stabi West. Una cosa che invece proprio proprio non va è il guardaroba: tutto troppo stretto. Magari lì avrebbero potuto essere un tantino più “großzügig”.

    • Maurizio Gatto marzo 10, 2010 a 8:30 am #

      Amianto alla Stabi West? Non ne so niente. Io ci vado sempre e la adoro. Cosa dovrei sapere?

  3. pina marzo 11, 2010 a 8:47 PM #

    tutto,anche l’attenzione a rendere bello l’ambiente,dimostra quanto rispetto hanno sia per la nostra dignità che per la nostra curiosità intellettiva.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: