Tag Archives: mostra

Cosa fare a Berlino: le immagini del terrorismo in una mostra fotografica

3 Dic

Finisce domani a Berlino una mostra fotografica difficile – nel senso di non piacevole, impegnativa – ma interessante.

Si tratta di un percorso di riflessione, attraverso le opere di diversi artisti contemporanei, sul rapporto tra il terrorismo e la sua rappresentazione in immagini: e quindi si tratta di ripercorrere momenti che hanno segnato la nostra epoca (l’undici settembre, naturalmente, ma anche le olimpiadi di Monaco del 1972, o gli attentati della RAF e delle Brigate Rosse) non solo „rivivendoli“ emozionalmente attraverso le fotografie che li hanno fatti diventare parte dell’immaginario collettivo, ma facendosi delle domande proprio su queste fotografie. Che hanno creato appunto una vera e propria simbologia del terrorismo, che sono state usate come propaganda da entrambi i fronti, e che gli artisti che partecipano alla mostra si sono impegnati a montare e smontare, facendosi delle domande come: quanto sono state manipolate le immagini? E quanto le immagini servono a manipolare? Domande destinate a rimanere senza risposta, ovviamente, ma che la mostra dal titolo „unheimlich vertraut“, che si potrebbe tradurre „inquietante e familiare“ – ha il merito di porre. Se si vuole visitarla, però, bisogna preprarsi a leggere (tanto) in tedesco o in inglese; sennò, come spesso nell’arte contemporanea, si rischia di perdere l’essenziale.

“Unheimlich vertraut-“, fino a domani, c/0 Berlin,

Oranienburger Str 35/36 . 10117 Berlin

http://www.co-berlin.info/programm/exhibitions/2011/unheimlich-vertraut–bilder-vom-terror.htm

 

Cosa fare a Berlino: l’arte dell’Est e dell’Ovest alla National Galerie

2 Dic

Ci lascia Christa Wolf, autrice de „Il cielo diviso“, e alla Neue Nationalgalerie di Berlino parte una mostra sull’arte figurativa dei due blocchi che porta proprio questo titolo: Der geteilte Himmel. Ad essere esposte opere di artisti della Germania dell’est e di quella dell’ovest, dal 1945 al 1968, e non solo: da Guttuso a Dan Flavin, ce n’è per tutti i gusti e per tutti gli stili.

Si tratta ovviamente di una mostra in cui la polemica è programmata in anticipo: se gli artisti di uno e dell’altro fronte sono rappresentati con equilibrio; con quale criterio sono stati scelti; con quali criteri sono stati esposti, e perché.

Si tratta comunque di un’ottima occasione per capire lo spirito di un’epoca (una mostra “malinconica”, la definisce per esempio il quotidiano berliense Tagesspiegel) per tastare il polso di un periodo, al di là dei pregiudizi; e per  godersi opere di artisti conosciuti e sconosciuti, dell’est e dell’ovest.

http://www.smb.museum/smb/kalender/details.php?lang=de&objID=29845&p=1

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: