Tag Archives: primavera a Berlino

Primavera a Berlino e pruni in fiore: ora di togliersi il cappotto e uscire di casa.

4 Mag

523595_10202580755733841_27207313_n

La primavera a Berlino è quando esci di casa con il tuo cappotto, memore del freddo intenso che faceva la sera prima,  e improvvisamente inizi a sudare, a toglierti la sciarpa, a legarti il maglione in vita, e attorno a te in metropolitana ti accorgi di gente vestita in modo schizofrenico: donne in pareo e infradito, donne con il piumino, uomini in bermuda e maniche corte, uomini in impermeabile e sciarpa.. Insomma, guardare dalla finestra come sono vestite le persone non è un buon modo per stabilire la temperatura. Anche perché, diciamocelo, la temperatura cambia in continuazione ed è davvero difficile starle dietro.

Però c’è una cosa che accumuna tutti i berlinesi, nuovi e vecchi, appena spunta un raggio di sole e il termometro si posiziona sopra i tredici gradi: tutti, tutti, tutti, sentono l’impellente bisogno di uscire (quantomeno sul balcone) e godersi la giornata. Non importa se sei stanco morto per pesantissima settimana di lavoro e una parte sostanziosa di te vorrebbe spiaccicarsi sul divano e dormire tutto il fine settimana: se c’è il sole devi godertelo, non puoi fare altro, una legge berlinese non scritta impone di sfruttare la bella stagione per tutti quei rari momenti in cui gentilmente si mette a disposizione. Non si accettano scuse.

Quindi: passeggiate nel Tiergarten, passeggiate a godersi l’odore dei tigli, gite al lago, gite al lago in bicicletta, i tavolini al sole, anche se sul marciapiede con affaccio traffico, del bar preferito, o, se proprio si è molto pigri, contorsioni per riuscire a prendere il raggio di sole che si riflette sul palazzo di fronte e arriva in un angolino del balcone.

Io in primavera ho un’ossessione, per esempio: andare a cercare i viali con gli alberi fioriti. Pruni, ciliegi…ci sono addirittura feste dedicate alla fioritura degli alberi, come a Werder, deliziosa cittadina a sud di Berlino, sul lago, che per la “Baumblütenfest” (quest’anno è appena finita, comunque qui il link: http://www.baumbluetenfest.com) si riempie di alberi rosa, banchetti che offrono oggetti di simil artigianato e grappa di tutti i tipi, luna park, e gente (purtroppo) molto ubriaca. Questione di gusti: io ci sono andata una volta e poi mi sono detta “Mai più”. Preferisco farmi una passeggiata speciale, che conoscono in pochi: un viale di ciliegi donati espressamente dal Giappone alla città di Berlino, che ripercorrono nel parco il percorso del muro (Mauerweg) partendo dal ponte della Bornholmer strasse: viale come una lunga volta di chiesa in color rosa, coi petali che cadono come in un cartone animato giapponese, mentre senti di fianco sferragliare i treni che ti sembra di stare in un cartone animato giapponese con aggiunta di film francese.

Per fortuna che il sole si è appena nascosto tra le nuvole sennò mi verrebbe da uscire, e ho troppo da lavorare. Buon inizio primavera a tutti.

Gelato e primavera a Berlino: “Die kleine Eiszeit”

10 Mar

Capisco che sta arrivando la primavera non dalle rondini (che arrivano ben più tardi), non dalla temperatura (che quest’anno si ostina a rimanere nei dintorni dello zero), e non dagli alberi (che sono ancora rinsecchiti). Io capisco che sta arrivando la primavera dal fatto che riapre la gelateria sotto casa. Si chiama Die kleine Eiszeit – gioco di parole tra “Il momento del gelato” e “Era glaciale” – e, come tutte le piccole gelaterie berlinesi che si rispettino, chiude da ottobre a marzo.

Tra bambini e adulti è tutto un fiorire di supposizioni: cosa farà il gelataio in questo periodo? Forse si trasforma in Babbo Natale, dicono i più piccoli. Se ne starà in vacanza ai Caraibi, suppongono invidiosi gli adulti. Ma lui, il gelataio con l’aria burbera e la barba bianca, non rivela nulla. Il segreto fa parte della sua aura. E della mitologia della sua gelateria: il gelato è buono, per l’amor del cielo, ma niente di speciale. Eppure la coda davanti al suo negozio è lunghissima. Perché è un rituale, uno di quelli che scandiscono l’anno, che dividono le stagioni, che rendono i pomeriggi un pomeriggio di festa.

I bambini origliano attraverso la saracinesca ancora chiusa i movimenti, i rumori che vengono dall’interno del locale. Come lo sciogliersi dei ghiacci eterni. Tra poco faremo di nuovo la coda davanti alla gelateria Eiszeit, è quasi primavera.

Gelateria Die kleine Eiszeit
Stargarder Straße 7
10437 Berlin
030 4479037

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: